Mercati in stand-by. Saipem crolla a Piazza Affari

Piazza Affari non si sposta dai valori della vigilia, in linea con i principali mercati di Eurolandia, mentre dai derivati statunitensi giungono segnali contrastanti, lasciando presagire una partenza all’insegna dell’incertezza per la borsa di Wall Street, più tardi.

I listini azionari europei, sono partiti deboli dopo l’exploit della vigilia e, poi, hanno tentato il recupero sul rafforzarsi delle aspettative che la Fed aspetterà ancora a rialzare i tassi dopo i deludenti dati sul mercato del lavoro USA, diffusi venerdì scorso.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,28%, condizionato dalla delusione per ordinativi all’industria in Germania. L’Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,32%. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,63%.

Sui livelli della vigilia lo Spread, che si mantiene a 110 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,68%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, sostanzialmente tonico Francoforte, che registra una plusvalenza dello 0,25%; andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a -0,08% mentre Parigi, mostra un guadagno moderato +0,26%. Piazza Affari continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,11% sul FTSE MIB.

In buona evidenza a Milano i comparti Media (+1,94%), Tecnologici (+1,25%) e Vendite al dettaglio (+1,04%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, svetta Tod’s che segna un importante progresso del 2,57%.

Vola UnipolSai, con una marcata risalita del 2,52%, dopo che l’Ad Cimbri ha confermato l’interesse per operazioni strategiche di aggregazioni.

Brilla Mediaset, con un forte incremento (+2,3%) grazie al “buy” di HSBC.

Ottima performance per Finmeccanica, che registra un progresso del 2,13%.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Saipem, -4,02% su prese di profitto dopo l’exploit di ieri mentre pensa ai guai in Algeria e con un occhio guarda al riassetto.

Si concentrano le vendite anche su Banco Popolare, che soffre un calo dell’1,84% e su Banca Popolare di Milano, che registra un ribasso dell’1,29%.

Dimessa Telecom Italia -0,09%: la francese Vivendi è salita al 19,88%.

Fuori dal principale paniere, brilla Mondadori +3,56%: il mercato premia il deal con RCS.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati in stand-by. Saipem crolla a Piazza Affari