Mercati in stand-by. Occhi su voto UK e BCE

(Teleborsa) – Partenza prudente per le principali borse europee con gli investitori che si muovono cauti in vista di importanti appuntamenti internazionali in calendario oggi: le elezioni nel Regno Unito e la riunione del Consiglio direttivo della BCE.

Quanto alla banca centrale europea, alle 13.45 sarà annunciata la decisione sui tassi, mentre il Presidente Mario Draghi terrà la consueta conferenza stampa successiva all’annuncio (alle 14.30).

Il mood degli operatori sarà anche condizionato dall’attesa per l’audizione al Senato dell’ex direttore del Fbi James Comey licenziato dal Presidente USA, Donal Trump, mentre stava indagando sui presunti contatti tra lo staff della Casa Bianca e la Russia durante la campagna elettorale 2016.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,126. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,05%. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dello 0,90%.

Lieve miglioramento dello spread, che scende fino a 200 punti base, con un calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,27%.

Tra le principali Borse europee si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,37%. Sottotono Londra che mostra una limatura dello 0,62%. Trascurata Parigi, scambia sui livelli della vigilia. Sostanzialmente stabile Piazza Affari, con il FTSE MIB che si ferma a 20.765 punti.

In luce sul listino milanese i comparti Tecnologico (+1,08%), Alimentare (+0,72%) e Media (+0,67%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, tonica STMicroelectronics, che mostra un incremento dell’1,33% sostenuta dalla revisione al rialzo del target price da parte di UBS. Confermato il giudizio “neutral”. 

Tra le banche, denaro su Banca Mediolanum, che registra un rialzo dell’1,10%.

Bilancio positivo per Campari, che vanta un progresso dello 0,80%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Ferragamo, che ottiene -2,57%.

Tra i petroliferi, Saipem scende dell’1,32%. Tiene invece ENI grazie al “buy” di un broker. 

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Anima Holding (+1,70%) entrata tra le top pick di Kepler Cheuvreux.

Mercati in stand-by. Occhi su voto UK e BCE