Mercati in rosso su realizzi dopo il brindisi alla Fed

(Teleborsa) – Chiusura negativa per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, che prendono respiro dopo il rally della vigilia sostenuto dal primo rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti dal 2006.

Gli investitori hanno preferito monetizzare anche in scia alla mancanza di spunti macroeconomici in una sessione caratterizzata soprattutto dalle scadenze tecniche per futures e opzioni (cosiddette “tre streghe”).

Non ha aiutato l’avvio in rosso di Wall Street, dove l’indice S&P500 cede lo 0,80% ancora su realizzi ma anche in scia al nervosismo dei titoli energetici legato al nuovo deprezzamento delle quotazioni del greggio.

Sul valutario l’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,085. Tra le commodities, l’Oro continua gli scambi a 1.065 dollari l’oncia (+1,25%) mentre il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) sale dell’1%, a 35,3 dollari per barile.

Invariato lo spread, che si posiziona a 102 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,56%.

Tra i listini europei, Francoforte termina con un calo dell’1,21%, Londra dello 0,76%, Parigi dell’1,12%.

Scambi in ribasso anche per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dell’1,31% sul FTSE MIB.

Tra i best performer di Milano si distinguono Anima Holding, e Banca Popolare di Milano. Ottima Yoox Net-A-Porter in un lusso oggi a due velocità, dal momento che Moncler e Ferragamo hanno terminato sui gradini più bassi dell FTSE Mib.

Il titolo più venduto è però Mediaset nonostante l’imprenditore francese Xavier Niel abbia ammesso di essere interessato anche al Biscione.

Male anche Cnh Industrial.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati in rosso su realizzi dopo il brindisi alla Fed