Mercati in rosso dopo la Fed. Milano la peggiore

(Teleborsa) – Partenza con il nastro rosso per le principali borse europee, dove Piazza Affari è il peggior listino, in scia alla performance negativa delle banche, sulla forte risalita dello spread. C’è nervosismo tra gli investitori nel giorno in cui il Governo renderà nota la nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (ormai nota come NADEF) su cui si baserà la Legge di Bilancio 2019.

Il panorama europeo è debole il giorno dopo che la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse, per la terza volta quest’anno. Pesa anche la tensione commerciale fra Stati Uniti e Cina, che non dà segni di distensione.

Sul mercato Forex, lieve calo dell’Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,17. Tra gli appuntamenti attesi oggi: il Bollettino economico della BCE; la stima del PIL americano nel secondo trimestre e l’intervento del presidente della BCE Mario Draghi.
L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.195,3 dollari l’oncia. Seduta positiva per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno dell’1,22%.

Sale molto lo spread, raggiungendo 242 punti base, con un deciso aumento di 13 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 2,91%.

Tra gli indici di Eurolandia Francoforte, che mostra un decremento dello 0,37%. Giù anche Londra, -0,17% e Parigi, -0,14%. Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dell’1,01%.

A Piazza Affari non si salva alcun comparto. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti bancario (-2,27%), telecomunicazioni (-1,41%) e utility (-0,75%).

In questa giornata da dimenticare per Piazza Affari, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. Le più forti vendite si manifestano sulle banche, come Intesa Sanpaolo, che prosegue le contrattazioni a -2,75%. Seduta drammatica per BPER, che crolla del 2,57%. Sensibili perdite per Unicredit, in calo del 2,52%. In apnea Banco BPM, che arretra del 2,49%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, FILA (+1,24%), Danieli (+1,09%), Carel Industries (+0,67%) e Ascopiave (+0,63%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Banca Ifis, -4,95%, che ha rinnovato il piano di emissioni bond fino a un massimo di 5 miliardi di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati in rosso dopo la Fed. Milano la peggiore