Mercati fermi in attesa di indicazioni dalla BCE

(Teleborsa) – Poco mossi i mercati europei, nonostante il balzo dell’IFO tedesco di ottobre confermi la ripresa economica in atto in Europa. Buone nuove sono giunte anche dalla Gran Bretagna, che ha diffuso i dati sul PIL del 3° trimestre e dall’Italia con il boom di ordinativi. 
Le piazze europee restano ingessate in vista della riunione della BCE di domani, in particolare in attesa di indicazioni sul tapering. 

A livello macro questo pomeriggio alle 14:30, negli Stati Uniti sarà pubblicato il dato sugli Ordini di Beni Durevoli, per il quale gli analisti stimano 0,9%. In USA verrà distribuito anche il dato Scorte petrolio alle 16:30 di questo pomeriggio.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,178. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,27%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la sessione in rialzo e avanza a 52,47 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 157 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,05%.

Nello scenario borsistico europeo piatta Francoforte, senza spunti Londra, ferma Parigi.

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 22.660 punti.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Chimico (+3,30%), Vendite al dettaglio (+1,48%) e Banche (+1,12%). Tra i più negativi della lista del listino azionario italiano, troviamo i comparti Automotive (-1,30%), Telecomunicazioni (-0,60%) e Immobiliare (-0,48%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Yoox (+2,40%), Fineco (+2,38%), UBI Banca (+2,14%) e Mediaset (+1,91%), quest’ultima dopo la promozione di Mediobanca. Prese di beneficio su Saipem -3,66%. Lettera su Fiat Chrysler, che registra un importante calo del 2,28%. In rosso Ferragamo, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,71%. Discesa modesta per CNH Industrial, che cede un piccolo -0,96%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Cattolica Assicurazioni (+3,17%), ASTM (+2,37%), Sias (+2,27%) e Datalogic (+2,02%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Sogefi -9,24%: Kepler Cheuvreux ha tagliato la raccomandazione a hold, con target price a 5 euro. Affonda Mondadori, con un ribasso del 2,06%. Spicca la prestazione negativa di Juventus, che scende dell’1,46%. Rai Way perde l’1,33%.

Mercati fermi in attesa di indicazioni dalla BCE