Mercati europei, seduta attendista con focus sull’inflazione

(Teleborsa) – Andamento piatto per Piazza Affari e le oltre borse europee. Gli operatori sono concentrati sull’andamento dell’inflazione, sia in Europa che negli Stati Uniti. L’inflazione statunitense, dopo il forte report sul mercato del lavoro di venerdì scorso, aiuterà a delineare il percorso di rialzo dei tassi della FED. Intanto, si mantiene su livelli elevati l’inflazione in Germania a luglio, anche se diminuisce marginalmente rispetto al mese precedente. L’Istat ha confermato l’inflazione in Italia a luglio si è attestata al +7,9% su anno, sottolineando che il rallentamento dei prezzi dei beni energetici non frena l’onda lunga delle tensioni inflazionistiche, che si stanno diffondendo agli altri comparti merceologici.

Sul fronte dei risultati semestrali, E.ON ha confermato la guidance sull’intero 2022 nonostante abbia comunicato un primo semestre con utili in calo, Deliveroo ha allargato la perdita nei primi sei mesi dell’anno e annunciato l’intenzione di uscire dai Paesi Bassi, Aviva ha affermato di prevedere un nuovo buyback dopo che l’utile operativo in primo semestre, TP ICAP ha beneficiato della volatilità dei mercati e ha registrato un aumento di ricavi e utili.

Saipem ha smentito che l’AD Francesco Caio abbia firmato un accordo per lasciare il gruppo, dopo indiscrezioni di stampa secondo cui il manager potrebbe lasciare a settembre e lasciare la guida dell’azienda all’attuale direttore generale Alessandro Puliti, che lo ha affiancato su indicazione di Eni dopo il profit warning e per mettere a punto la conseguente manovra finanziaria.

Antares Vision ha chiuso il primo semestre del 2022 con ricavi netti consolidati pari a 85,5 milioni di euro, in aumento del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (+10% YoY escludendo il contributo da M&A) e ordini in crescita del 31% YoY.

DBA Group, in raggruppamento temporaneo con lo studio di architettura e interior design ACPV ARCHITECTS Antonio Citterio Patricia Viel, si è aggiudicata la gara ed ha sottoscritto il contratto per la riqualificazione della sede RAI di Viale Mazzini 14 a Roma.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,28%. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.789,9 dollari l’oncia. Forte riduzione del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-1,7%), che ha toccato 88,96 dollari per barile.

Piccolo passo verso l’alto dello spread, che raggiunge quota +213 punti base, mostrando un aumento di 4 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 3,03%. Nell’asta odierna il BOT a 12 mesi è stato collocato al rendimento più alto da ottobre 2013 .

Tra i mercati del Vecchio Continente trascurata Francoforte, che resta incollata sui livelli della vigilia, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, e incolore Parigi, che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che si ferma a 22.508 punti; sulla stessa linea, incolore il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 24.632 punti, sui livelli della vigilia. Sulla parità il FTSE Italia Mid Cap (-0,08%); poco sotto la parità il FTSE Italia Star (-0,39%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, acquisti a piene mani su BPER, che vanta un incremento del 2,25%.

Tonica Iveco che evidenzia un bel vantaggio dell’1,99%.

In luce Pirelli, con un ampio progresso dell’1,67%.

Andamento positivo per Prysmian, che avanza di un discreto +1,47%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Tenaris, che ottiene -1,50%.

Sotto pressione Amplifon, che accusa un calo dell’1,40%.

Scivola Interpump, con un netto svantaggio dell’1,11%.

Si muove sotto la parità Banco BPM, evidenziando un decremento dello 0,93%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Juventus (+2,04%), Mutuionline (+1,85%), Webuild (+1,67%) e Italmobiliare (+1,30%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Saras, che prosegue le contrattazioni a -3,00%.

Lettera su Wiit, che registra un importante calo del 2,73%.

Scende Safilo, con un ribasso del 2,03%.

In rosso Pharmanutra, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,46%.