Mercati europei riflessivi in avvio

(Teleborsa) – Giornata all’insegna della cautela per i listini azionari europei, concentrati sull’ondata di trimestrali che sta investendo tutto il vecchio continente.

L’Euro / Dollaro USA si mostra poco mosso. L’oro avanza a 1.284,3 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) resta sui livelli della vigilia.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 141 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,74%.

Tra i listini europei Francoforte passa di mano sulla parità, Londra evidenzia un decremento dello 0,25% mentre Parigi non registra variazioni significative rispetto alla seduta precedente.

Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 22.889 punti.

Banche (+1,01%) e Automotive (+0,84%) in buona luce sul listino milanese, dopo le perdite della vigilia. Nel listino, i settori Alimentare (-2,87%), Costruzioni (-1,39%) e Sanitario (-1,07%) sono tra i più venduti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, vola BPER, con una marcata risalita del 9,36% dopo la debacle di ieri. Rimbalza anche BPM, con un forte incremento (+3,48%). Ben impostata UBI Banca, che mostra un rialzo dell’1,86%. Tonica Unicredit che evidenzia un bel vantaggio dell’1,53% dopo aver confermato i conti relativi al 3° trimestre. Frazionale la risalita di Enel +0,75%, che ha annunciato risultati in crescita. I più forti ribassi, invece, si verificano su Yoox, che cede il 10,58% all’indomani della diffusione dei conti. Affonda Campari, con un ribasso del 3,41%. Vendite su Azimut, che registra un ribasso dell’1,17%. Seduta negativa per Buzzi Unicem, che chiude gli scambi con una perdita dell’1,12%, dopo i progressi di ieri. Limature per Generali -0,26% che stamane ha annunciato i conti al 30 settembre 2017.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Saras (+2,43%), De’Longhi (+1,91%), Interpump (+0,88%) e Credem (+0,84%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Astaldi, che perde il 10,63%: c’è allo studio un aumento di capitale da 200 milioni di euro. Crolla Geox, con una flessione del 5,03% dopo la diffusione dei dati sui ricavi. Vendite a piene mani su Maire Tecnimont, che soffre un decremento del 2,21%. Pessima performance per Diasorin, che registra un ribasso del 2,19%.

Sul listino completo vola Rosss +4,5%, grazie ad una nuova importante commessa.

Mercati europei riflessivi in avvio
Mercati europei riflessivi in avvio