Mercati europei riflessivi. Giù Piazza Affari

(Teleborsa) – Seduta negativa per il listino milanese, in contro trend rispetto al resto delle Borse europee, che invece scambiano sulla parità. Cresce l’attesa per la firma dell’accordo sui dazi tra Stati Uniti e Cina in programma nel pomeriggio mentre gli investitori torneranno a guardare alle trimestrali a stelle e strisce, iniziate ieri dalle banche.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,20%. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.546,3 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) è sostanzialmente stabile su 58,19 dollari per barile.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +161 punti base, con un lieve rialzo di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all’1,36%.

Nello scenario borsistico europeo Francoforte è stabile, riportando un moderato -0,08%, andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a +0,13%, poco mossa Parigi, che mostra un -0,13%.

Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,42%; sulla stessa linea, in lieve calo il FTSE Italia All-Share, che continua la giornata sotto la parità a 25.978 punti. Sui livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (-0,09%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,3%).

Buona la performance a Milano dei comparti beni per la casa (+1,86%), sanitario (+1,06%) e alimentare (+0,98%).

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori bancario (-0,96%), costruzioni (-0,94%) e beni industriali (-0,91%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, vola Moncler, con una marcata risalita del 3,27%.

Bilancio decisamente positivo per Amplifon, che vanta un progresso dell’1,77%.

Buona performance per Campari, che cresce dell’1,16%.

Seduta senza slancio per Nexi, che riflette un moderato aumento dello 0,99%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Atlantia, che prosegue le contrattazioni a -3,71%.

Sessione nera per Ferragamo, che lascia sul tappeto una perdita del 2,18%.

Spicca la prestazione negativa di Fiat Chrysler, che scende dell’1,54%.

Unipol scende dell’1,33%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Falck Renewables (+3,91%), Maire Tecnimont (+3,10%), Banca Generali (+3,00%) e Banca Ifis (+1,94%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Zignago Vetro, che continua la seduta con -2,60%.

In caduta libera doValue, che affonda del 2,16%.

Calo deciso per Mondadori, che segna un -1,9%.

Sotto pressione ASTM, con un forte ribasso dell’1,57%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati europei riflessivi. Giù Piazza Affari