Mercati europei positivi. Milano alla finestra in attesa risposta Bruxelles

(Teleborsa) – Si muove all’insegna del rialzo la seduta finanziaria delle borse europee, mentre Piazza Affari resta indietro scambiando vicino ai valori della vigilia in attesa della risposta di Bruxelles alle spiegazioni di Tria sul debito. La Commissione Ue potrebbe anche chiedere l’avvio di una procedura di infrazione contro l’Italia per debito eccessivo.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,128. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.332,8 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) perde l’1,12% e continua a trattare a 52,88 dollari per barile.

Aumenta di poco lo spread, che si porta a +272 punti base, con un lieve rialzo di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,52%.

Tra le principali Borse europee piccolo passo in avanti per Francoforte, che mostra un progresso dello 0,26%, composta Londra, che cresce dello 0,24%, performance modesta per Parigi, che mostra un moderato rialzo dello 0,34%.

Piazza Affari continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,1% sul FTSE MIB; sulla stessa linea, incolore il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 22.139 punti, sui livelli della vigilia. Positivo il FTSE Italia Mid Cap (+1,07%), come il FTSE Italia Star (1,0%).

Si distinguono a Piazza Affari i settori chimico (+2,41%), telecomunicazioni (+1,87%) e beni per la casa (+1,70%).

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori materie prime (-2,19%), petrolio (-1,13%) e bancario (-0,89%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, acquisti a piene mani su Juventus, che vanta un incremento del 2,72%.

Effervescente Atlantia, con un progresso del 2,56%.

Incandescente Moncler, che vanta un incisivo incremento del 2,31%.

In primo piano Telecom Italia, che mostra un forte aumento del 2,16% sulla chiusura del dossier Persidera.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Tenaris, che continua la seduta con -2,21%.

Soffre Unicredit, che evidenzia una perdita dell’1,55%.

Preda dei venditori ENI, con un decremento dell’1,47%.

Sostanzialmente debole Saipem, che registra una flessione dello 0,94%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Biesse (+5,90%), Gima TT (+4,13%), IMA (+3,18%) e SOL (+3,10%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su doBank, che ottiene -1,91%.

Si muove sotto la parità FILA, evidenziando un decremento dello 0,94%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati europei positivi. Milano alla finestra in attesa risposta&nbsp...