Mercati europei e Piazza Affari all’insegna della cautela

(Teleborsa) – Si muove all’insegna della prudenza la seduta delle principali borse europee. Anche la borsa di Milano si allinea alla cautela, che regna in Europa e scambia sulla linea di parità. 

Dal fronte macro, gli investitori attendono alcuni dati chiave come il tasso di disoccupazione e l’inflazione in Italia.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,114. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.312,9 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) è sostanzialmente stabile su 46,35 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 119 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,10%.

Tra gli indici di Eurolandia, discesa modesta per Francoforte, che cede un piccolo -0,25%, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, e incolore Parigi, che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente.

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 16.907 punti; sulla stessa linea, si muove intorno alla parità il FTSE Italia All-Share.

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori Chimici (+5,22%), Banche (+0,84%) e Media (+0,68%). Tra i peggiori della lista di Milano, in maggior calo i comparti Materie prime (-0,86%) e Alimentari (-0,56%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Banco Popolare (+1,37%), Banca Popolare di Milano (+1,36%), Mediobanca (+0,92%) e UBI Banca (+1,10%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Tenaris, che prosegue le contrattazioni a -0,87%.

Pensosa Campari, con un calo frazionale dello 0,76%.

Tentenna Moncler, con un modesto ribasso dello 0,60%.

Mercati europei e Piazza Affari all’insegna della cautela