Mercati del Vecchio Continente chiudono con il segno più

(Teleborsa) – Si conclude una giornata di acquisti sui listini azionari europei, con Piazza Affari che chiude mettendo a segno la stessa performance positiva del Vecchio Continente.

L’attività è stata ridotta per la chiusura di Londra e di Wall Street per festività,, mentre stamane sono giunte buone indicazioni dalle borse asiatiche, specie da Tokyo, galvanizzata per il rinvio dell’innalzamento dell’IVA.
Gli occhi degli investitori rimangono puntati sulle decisioni di giovedì della BCE sui tassi mentre venerdì scorso la Yellen ha prospettato un aumento del costo del denaro a breve. 

Tra le principali Borse europee, giornata moderatamente positiva per Francoforte, che sale di un frazionale +0,46%, seduta senza slancio per Parigi, che riflette un moderato aumento dello 0,32%.

Lieve aumento per la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un rialzo dello 0,58%; sulla stessa linea, piccolo scatto in avanti per il FTSE Italia All-Share, che arriva a 20.042 punti. 

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Fiat Chrysler Automobiles (+2,81%), A2A (+2,48%), Poste Italiane (+2,15%) e Banca MPS (+1,99%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Leonardo-Finmeccanica, -1,56%, che presto verrà inserita nella blck list della Difesa indiana.

Sul listino completo in rosso RCS, dopo il via libera di Consob all’OPS di Cairo. 

 Banca Carige +1,64%, dopo aver presentato le linee guida del piano industriale.

Solida Astaldi +1,31%, che si è aggiudicata un nuovo contratto in Cile. Lieve aumento per l’Euro / Dollaro USA, che mostra un rialzo dello 0,23%. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,44%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) archivia la giornata con guadagno frazionale dello 0,30%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati del Vecchio Continente chiudono con il segno più