Mercati deboli in attesa del Capodanno. Petrolio ancora in focus

(Teleborsa) – Deboli gli indici di Piazza Affari e degli altri principali listini europei in una sessione avara di spunti macroeconomici e orfana di Londra, oggi chiusa per il Boxing Day.

Partiti poco mossi anche in vista delle imminenti festività del Capodanno, i mercati sono scesi sui minimi in scia al nuovo calo del greggio dopo il rimbalzo della scorsa ottava.

Vuota l’agenda macroeconomica dell’Eurozona, mentre in Giappone i numeri deludenti sulla produzione industriale e sulle vendite al dettaglio hanno aumentato le attese per nuovi stimoli da parte della Bank of Japan.

Negli USA è previsto solo l’indice Fed di Dallas.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,099.

Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,42% mentre il petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la giornata a 37,16 dollari per barile, in forte calo del 2,47%.

Retrocede di poco lo spread, che raggiunge quota 102 punti base, mostrando un piccolo calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,64%.

Tra i listini europei, Francoforte lima lo 0,44%, Parigi lo 0,69%.

In frazionale ribasso anche Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,40%.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, resta sugli scudi Banca Mps grazie alla cessione di un portafoglio di crediti deteriorati.
Molto bene anche la Banca Popolare di Milano, in un comparto bancario piuttosto calmo, e Mediaset.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Tod’s, Prysmian e Tenaris, quest’ultima in scia ai nuovi segnali di indebolimento del greggio.

Mercati deboli in attesa del Capodanno. Petrolio ancora in focus