Mercati chiudono senza slancio. Piazza Affari in coda all’Europa

(Teleborsa) – Seduta negativa per il listino milanese, in contro trend rispetto al resto delle Borse europee, che invece hanno terminato sulla parità, non traendo alcuno spunto da Wall Street che rimane al palo.

Gli investitori resta rivolta alla Federal Reserve che stasera, 5 luglio, pubblicherà i verbali dell’ultima riunione di politica monetaria in cui è stato deciso il secondo rialzo dei tassi USA, da dicembre 2016. Domani, 6 luglio, sarà la volta delle minute della BCE mentre venerdì 7 luglio l’appuntamento è con il mercato del lavoro statunitense.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,04% dopo la pubblicazione dei PMI servizi di Italia e in altre economie della zona euro. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.223 dollari l’oncia. Forte riduzione del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-3,59%), che ha toccato 45,38 dollari per barile.

Tra le principali Borse europee piatta Francoforte che sale poco sopra la parità con un +0,13%. Stessa intonazione per Londra (+0,14%) e Parigi (+0,10%). Il listino milanese archivia la seduta in coda all’Europa e sotto la parità, con il FTSE MIB che scivola dello 0,44%.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, balza Yoox che mostra un progresso del 4,49%. Rialzi più contenuti per Moncler (+1,12%) che insieme a Yoox festeggia l’upgrade di Jefferies.

Incandescente Leonardo che vanta un incisivo incremento dell’1,91% dopo che JP Morgan ha confermato il giudizio “overweight” e alzato il target price a 20 euro rispetto ai 14,95 euro delle attuali quotazioni. Chiude in corsa STM che mostra un +2,72%.

Chiude in territorio positivo Prysmian, mostrando un incremento dell’1,81% dopo la promozione giunta dagli analisti di Goldman Sachs. 

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Saipem, che chiude le contrattazioni a -2,72% dopo il downgrade di Barclays.

Tra le banche nel complesso deboli, spicca il rialzo di FinecoBank che avanza dell’1,17%, dopo che ieri il CdA ha deliberato la costituzione società di investimento di diritto irlandese. In calo Banco BPM , BPER  e Banca Mediolanum.

Il comparto accusa il colpo dopo che MPS che ha incassato il sì da Bruxelles al piano di ristrutturazione al 2021.Continua il rally di Banca Carige dopo la corsa della vigilia con il mercato che ha approvato il piano di rafforzamento patrimoniale. 

Lieve calo per Atlantia dopo che rumors di stampa preannunciano che Jp Morgan sarebbe pronta a lanciare una controfferta su Abertis.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, denaro su Maire Tecnimont (+3,56%) grazie a un upgrade e su RCS (+1,73%) che festeggia l’accordo di finanziamento del debito con Intesa Sanpaolo.

Mercati chiudono senza slancio. Piazza Affari in coda all’Europa