Mercati cauti. Milano si allinea

(Teleborsa) – Si muove con cautela la seduta finanziaria odierna delle borse europee, così come a Piazza Affari, in attesa di indicazioni dalla BCE sulla strategia di riduzione degli acquisti mensili di titoli nell’ambito del Qe.

Nuovi record per la borsa di Tokyo dopo la netta vittoria alle elezioni del premier Shinzo Abe. 

Povera l’agenda macroeconomica di oggi.

Prevale la cautela sull’Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,25%. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,44%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,14%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 160 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,03%.

Tra gli indici di Eurolandia ferma Francoforte, trascurata Londra, cauta Parigi.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che inizia la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB a 22.317 punti.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Immobiliare (+2,02%), Materie prime (+0,53%) e Beni personali e casalinghi (+0,49%). Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori Chimico (-1,98%), Vendite al dettaglio (-0,97%) e Media (-0,48%).

Al top tra le azioni più importanti di Milano, segna un buon incremento Tenaris, che riporta un +0,54% rispetto al precedente. Timido rialzo per Generali +0,32% dopo la promozione di Jefferies da hold a buy, con prezzo obiettivo che passa da 16,8 a 17,7 euro. I più forti ribassi, invece, si verificano su Banco BPM -0,95%. Dimessa Yoox, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia. Fiacca Prysmian, che mostra un piccolo decremento dello 0,79%. Discesa modesta per UBI Banca, che cede un piccolo -0,7%. Sotto i riflettori Saipem e Italgas in attesa dei conti. 

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Beni Stabili (+2,09%), IGD (+1,79%), Banca Farmafactoring (+0,75%) e Tod’s (+0,73%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Mondadori, che arretra dell’1,72%. In rosso MARR, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,62%. Spicca la prestazione negativa di Credem, che scende dell’1,52%. DoBank scivola dell’1,28%.

Sul listino completo vola Orsero +2,27%: Banca Imi ha avviato la copertura sul titolo con il giudizio add e target price a 12,3 euro.
Brilla Safilo +3,98%, dopo l’accordo con Rebecca Minkoff.

Mercati cauti. Milano si allinea