Mercati cauti. Milano si allinea

(Teleborsa) – Finale all’insegna della prudenza delle principali borse europee con gli investitori cauti alla vigilia del meeting BCE e in attesa dei dati sul mercato del lavoro USA, in agenda venerdì prossimo. Gli addetti ai lavori guardano anche alla riunione della Federal Reserve, questo mese, dopo che alcuni esponenti della Fed hanno consolidato le aspettative del mercato per un imminente rialzo dei tassi USA. 

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,057. Giornata negativa per l’oro, che archivia la seduta a 1.214,9 dollari l’oncia, in calo dello 0,80%. Prevalgono le vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 52,18 dollari per barile, in forte calo dell’1,81%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 189 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,26%.

Tra i mercati del Vecchio Continente trascurata Francoforte, che resta incollata sui livelli della vigilia. Nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità. Incolore Parigi. Chiusura sulla parità per la Borsa di Milano, con il FTSE MIB che si attesta a 19.482 punti. 

A Piazza Affari risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,34 miliardi di euro, con un incremento di ben 305 milioni di euro, pari al 14,99% rispetto ai precedenti 2,03 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,64 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,7 miliardi di azioni.

A fronte dei 218 titoli scambiati, sono giunte richieste di acquisto per 119 azioni. In lettera invece 82 titoli. Pressoché stabili le rimanenti 17 stocks.

Buona la performance a Milano dei comparti Viaggi e intrattenimento (+1,86%), Tecnologico (+1,43%) e Media (+1,42%). Tra i peggiori della lista di Milano, in maggior calo i comparti Petrolifero (-1,55%), Chimico (-0,96%) e Materie prime (-0,71%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Unipol (+1,81%), Generali Assicurazioni (+1,75%), Mediaset (+1,71%) e STMicroelectronics (+1,58%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su ENI, che ha chiuso a -1,66%.

Discesa modesta per Telecom Italia, che cede un piccolo -0,83%.

Tentenna Italgas, con un modesto ribasso dello 0,67% che ha lanciato un bond da 650 milioni di euro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mercati cauti. Milano si allinea