Mercati, attenzione: la Trumponomics è perfettamente coerente

(Teleborsa) – Il programma economico di Donald Trump non è né incoerente né imprevedibile. In realtà è una forma molto rigorosa di neo-mercantilismo. Questo il pensiero di Didier Saint-George, Managing Director e Membro del Comitato Investimenti di Carmignac, secondo il quale noi europei abbiamo imparato sui libri di storia ciò che il mercantilismo è stato nei secoli XVII e XVIII: l’impegno da parte degli Stati forti di accumulare ricchezza proteggendo le industrie nazionali con elevate barriere tariffarie, e costringendo i partner commerciali più deboli (le colonie, all’epoca) ad accettare condizioni commerciali sfavorevoli. La Trumponomics si muove nella stessa direzione. E questa forma di nazionalismo economico non è affatto una scuola di pensiero cresciuta solo in America. L’idea economica dietro Brexit, o programmi economici promossi da partiti di estrema destra in Francia o in Olanda sostengono ambizioni analoghe. Non c’è alcun dubbio che il liberalismo economico e la globalizzazione abbiano avuto i propri difetti, che in parte spiegano il trend attuale. Ma la domanda più pressante per i mercati è: quali saranno le conseguenze di questa deriva verso politiche mercantilistiche? 

La prima è l’inflazione. La politica di Donald Trump è in corso di attuazione in un momento in cui l’inflazione è già in ripresa un po’ dovunque, a vari livelli. E se il liberalismo, la globalizzazione e l’innovazione si sono rivelate misure deflazionistiche, è probabile che il supporto ai vecchi settori industriali non competitivi attraverso le barriere tariffarie contribuirà a incrementare l’inflazione. Pertanto, l’aumento dell’inflazione ciclica potrebbe essere rafforzato dall’anticipazione di una maggiore inflazione strutturale. Ad oggi i mercati obbligazionari non stanno prezzando questo rischio. 

La seconda conseguenza saranno le tensioni commerciali, che potrebbero danneggiare l’attività economica globale, se non aumentare i premi al rischio politico in alcune regioni. Ricordiamo che il mercantilismo si era inizialmente esaurito per due motivi: in primo luogo il crescente risentimento dei partner commerciali in diversi casi aveva trasformato le guerre commerciali in guerre vere e proprie. In secondo luogo, gli economisti erano alla fine giunti alla conclusione di David Ricardo, secondo cui il commercio mondiale non è un gioco a somma zero. Piuttosto che lottare gli uni contro gli altri sui volumi di scambi commerciali, i vari paesi dovrebbero capire che promuovere il libero scambio è vantaggioso per tutti. 

In altre parole, il mercantilismo genera vincitori e vinti, e quindi instabilità. Gli investitori azionari, conclude l’esperto, hanno ragione quando pensano che valga la pena di investire sui vincitori, che probabilmente sono in primo luogo i settori ciclici e il mercato statunitense. Ma farebbero altrettanto bene a prepararsi per affrontare l’instabilità.

Mercati, attenzione: la Trumponomics è perfettamente coerente