Mercati asiatici in ribasso dopo venerdì nero a Wall Street

(Teleborsa) – Prima seduta della settimana in ribasso per i mercati asiatici che hanno risentito della seduta fortemente negativa registrata a Wall Street dopo i dati sul mercato del lavoro: numeri che, in chiave di tassi di interesse, lasciano presagire un atteggiamento più “hawkish” ovvero aggressivo da parte della Federal Reserve.

L’indice Nikkei della piazza di Tokyo è sceso sotto i 23 mila punti ed ha archiviato la sessione con un calo del 2,5% a 22.682,08 punti. Giù anche il più ampio Topix che ha portato a casa un decremento del 2,17% a 1.823,74 punti. Debole Seul che chiude gli scambi con un calo dell’1,33%.

Si muove in controtrend la borsa di Shanghai che sale dello 0,72% forte dei dati sul settore terziario che hanno evidenziato una inattesa espansione dell’attività. Debole invece Shenzhen che perde lo 0,18% seguita da Taiwan che cede l’1,68%.

Si muovono con debolezza anche le altre borse che chiuderanno più tardi le contrattazioni, con Hong Kong che registra un calo dell’1,12%, Singapore segna un -1,29%, Bangkok -0,92%, Jakarta -0,51% e Kuala Lampur -0,82%. Male anche la borsa di Mumbay (-0,73%), seguita da Sydney (-1,63%).

Mercati asiatici in ribasso dopo venerdì nero a Wall Street