MEF, fabbisogno marzo in miglioramento a 26,8 miliardi

(Teleborsa) – Il settore pubblico chiude i conti di marzo con un fabbisogno di 26,8 miliardi di euro, in miglioramento di circa 5,5 miliardi rispetto al corrispondente mese dello scorso anno (32,3 miliardi). E’ quanto annuncia il MEF, indicando che il fabbisogno dei primi tre mesi dell’anno si porta a 41 miliardi, in aumento di circa 10,1 miliardi rispetto a quello registrato nel primo trimestre del 2020.

Nel confronto con lo scorso anno, il saldo ha beneficiato del miglioramento degli incassi fiscali, che lo scorso anno erano stati sospesi a causa dell’emergenza Covid. Dal lato della spesa si segnalano maggiori prelievi da parte dell’INPS, dovuti principalmente all’erogazione delle prestazioni previste dalle misure predisposte dal governo per il contenimento dell’emergenza, e maggiori pagamenti da parte delle Amministrazione statali e territoriali.

A marzo dello scorso anno – ricorda il MEF – le pensioni, tramite canale postale, sono state pagate due volte per effetto dell’anticipo disposto con ordinanza della Protezione civile.

La spesa per interessi sui titoli di Stato presenta una diminuzione di circa 480 milioni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

MEF, fabbisogno marzo in miglioramento a 26,8 miliardi