Mediobanca chiude il trimestre con utili oltre le attese

(Teleborsa) – Mediobanca ha chiuso i primi 9 mesi dell’esercizio con un utile netto in calo del del 5% a 442 milioni di euro, a causa degli accantonamenti al Fondo di risoluzione europeo (57 milioni), che rappresentano una voce di costo non ricorrente. Il risultato comunque risulta superiore alle attese degli analisti che indicavano un utile di 411 milioni.

Nel solo terzo trimestre dell’esercizio in corso, l’utile netto si è attestato a 121 milioni di euro, superando il consensus di 90 milioni, anche se risulta in calo rispetto ai 205 milioni dell’anno prima, che includevano plusvalenze da cessioni. Escludendo le voci non ricorrenti, l’utile sarebbe aumentato del 58%.

Nonostante l’impatto negativo delle turbolenze dei mercati finanziari ed i tassi di interesse ai minimi storici, il gruppo Mediobanca ha realizzato nei 9 mesi ricavi pressoché stabili a 1,5 miliardi di euro, grazie al buon andamento del margine di interesse (+7,8%),  che ha compensato il minor apporto dei proventi di tesoreria (97,4 milioni contro 181,4 milioni) dovuto alle forti turbolenze dei mercati.

Le rettifiche su crediti sono scese a 319 milioni (-22%). Le sofferenze sono risultate pari a 248 milioni (da 270 milioni a fine 2014) con la copertura al 69% 

Restano elevati i ratio patrimoniali: il CET1 phased-in a fine marzo 2016 è migliorato lievemente al 12,48%, mentre il fully-phased è peggiorato al 13,24%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mediobanca chiude il trimestre con utili oltre le attese