Mediaset, Vivendi rinuncia a domanda sospensione delibera AgCom

(Teleborsa) – Vivendi ha definitivamente rinunciato alla domanda di sospensione della delibera AgCOM sul caso Mediaset, in seguito al rigetto dello scorso 8 gennaio delle misure cautelari da parte del TAR del Lazio. Il ricorso in questione puntava a sospendere gli effetti della delibera con cui l’Authority ha congelato la quota eccedente il limite consentito del 9,9%, in modo da consentirle di esercitare i diritti di voto all’assemblea tenutasi venerdì scorso 10 gennaio.

Ad annunciare il dietrofront è la stessa Mediaset, che spiega: “Con un’istanza presentata lunedì 13 gennaio, i legali di Vivendi hanno infatti rinunciato alle misure cautelari richieste al TAR contro l’AgCom, misure che avrebbero dovuto essere esaminate nella Camera di consiglio del Tribunale Amministrativo convocata per domani, 15 gennaio 2020“.

“Ancora una volta – si denuncia – Vivendi ha attivato con urgenza organi di giustizia per poi cambiare idea ingolfando inutilmente il calendario delle udienze, dimostrando la pretestuosità delle sue iniziative giudiziarie”.

Mediaset “auspica che, dopo il contrordine odierno, il ricorso capriccioso ai Tribunali di tutta Europa con i tempi e i costi che questo comporta, venga definitivamente a cessare.”

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mediaset, Vivendi rinuncia a domanda sospensione delibera AgCom