Mediaset, l’Agcom mette uno stop alla scalata di Vivendi

(Teleborsa) – L’Agcom mette i paletti alla scalata di Vivendi su Mediaset, dopo che i francesi hanno raggiunto il 20% del capitale azionario del gruppo della famiglia Berlusconi, mettendo in allarme Fininvest ed il Governo. 

Oggi sul mercato è passato di mano un altro 4% del capitale, ma il titolo Mediaset ha chiuso in ribasso dell’1,55%, mentre fonti del gruppo di Vincent Bollorè smentivano l’ipotesi di offerta “ostile” sulla società media italiana. 

L’authority dal canto suo ha espresso un parere negativo su un’ipotesi di concentrazione che coinvolga Mediaset, Vivendi e Telecom Italia, di cui i francesi detengono il 24% del capitale. Una simile operazione infatti violerebbe le norme anticoncentrazione, poiché il Testo Unico dei Servizi di Media Audiovisivi e  Radiofonici (TUSMAR) stabilisce un divieto al superamento di dati tetti di controllo: le imprese di comunicazioni elettroniche che detengono nel mercato italiano una quota superiore al 40%, non possono acquisire ricavi superiori al 10% del Sistema Integrato delle Comunicazioni, cSI.d. C (TV, radio, editoria).

“Telecom – ricorda l’authority – risulta il principale operatore nel mercato delle comunicazioni elettroniche, detenendo il 44,7% della quota nel mercato prevalente delle telecomunicazioni. Mediaset, società operante nel settore dei media e dell’editoria, il cui azionista di maggioranza è il gruppo Fininvest con il 34,7% del capitale, raggiunge nel 2015 una quota del 13,3% del SIC. Questi  dati evidenziano che operazioni volte a concentrare il controllo delle due società potrebbero essere vietate”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Mediaset, l’Agcom mette uno stop alla scalata di Vivendi