Marasma Gesap per uscita di 3 dei 5 membri del CdA

(Teleborsa) – Forte agitazione e preoccupazione all’Aeroporto di Palermo, dove nel fine settimana si è consumato un vero e proprio sconvolgimento all’interno della società di gestione aeroportuale Gesap, che ha visto frantumarsi il proprio consiglio di amministrazione. Tre dei cinque componenti, l’amministratore delegato Giovanni Scalia e i consiglieri Cleo Li Calzi e Domenico Cacciatore hanno rimesso il mandato facendo decadere di fatto il CdA. Rimasti solo il presidente Tullio Giuffré e il suo vice Alessandro Albanese, che potranno provvedere alla ordinaria amministrazione.
Da mesi si rincorrevano voci su dissidi all’interno della compagine e gli stessi azionisti sono venuti a conoscenza delle dimissioni attraverso gli organi di stampa. Una circostanza che peserà in sede di assemblea generale dei soci, la cui convocazione urgente è stata richiesta in prima istanza dal Comune di Cinisi in qualità di azionista di minoranza di Gesap.
Garantita, in ogni caso, l’operatività dello scalo. A tale proposito la Federazione del Trasporto Aereo Ugl Sicilia ha emesso una nota in cui viene sottolineato di non comprendere le motivazioni che hanno causato l’uscita di tre dei cinque consiglieri, peraltro in un momento molto positivo e di crescita per l’aeroporto Falcone e Borsellino

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Marasma Gesap per uscita di 3 dei 5 membri del CdA