Manovra, Juncker spaventa l’Italia: “Serve rigore, rischio nuova Grecia”

Salvini non ci sta: "Nessuno si beve le minacce di Juncker, non ci fermeranno"

(Teleborsa) “L’Ue stia tranquilla, il rapporto tra debito e Pil scenderà”.  Debutto ad altissima tensione quello di Giovanni Tria,  ministro dell’Economia, all’Eurogruppo di ieri con tutti gli occhi puntati addosso. Per questo la prima mossa è cercare di  rassicurare i suoi colleghi dell’area euro sulla manovra del governo gialloverde che così tanto sta facendo discutere. Un tentativo però che non sembra essere riuscito visto che l’Europa sembra compatta per una bocciatura preventiva.

TRIA DISERTA L’ECOFIN – La riunione dell’Eurogruppo di ieri a Lussemburgo era il primo faccia a faccia con i partner Ue, il primo test europeo dunque per Def e Manovra alla fine del quale Tria ha deciso di rientrare in Italia, secondo quanto riferiscono fonti del Mef, per potersi dedicare alla stesura definitiva della Nota di aggiornamento al Def così da poterla trasmettere al Parlamento, disertando l’Ecofin previsto per oggi. L’Italia sarà rappresentata dal direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera.

JUNCKER AVVERTE L’ITALIA: “RISCHIO GRECIA” – “”Se l’Italia vuole un ulteriore trattamento speciale – dice il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker , ciò significherebbe la fine dell’euro. Bisogna essere molto rigidi”. “Non vorrei che dopo aver superato la crisi greca, ricadessimo nella stessa crisi con l’Italia. Una sola crisi del genere è sufficiente”, ha detto nel corso di un intervento in Germania, citato dai media internazionali, tra cui Le Figaro e New York Times.

Salvini: basta minacce – Non si fa attendere la dura replica del ministro dell’Interno Salvini: “In Italia nessuno si beve le minacce di Juncker, che ora associa il nostro Paese alla Grecia. Vogliamo lavorare per rispondere ai bisogni dei nostri cittadini. I diritti al lavoro, alla sicurezza e alla salute sono priorità del governo e andremo fino in fondo. Alla faccia di chi rimpiange l’Italia impaurita, quella con le aziende e il futuro in svendita. Non ci fermeranno”.

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Manovra, Juncker spaventa l’Italia: “Serve rigore, rischio...