Manovra: salta stretta su studi dentistici

Salvo, per ora, il bonus per le cure dentali da destinare alle fasce più deboli

Semaforo rosso per la proposta M5S, formalizzata con un emendamento alla manovra, che puntava a una stretta nei confronti degli studi dentistici con titolari non medici chiedendo che tali società potessero essere costituite solo tra professionisti iscritti all’Albo.

La commissione Bilancio del Senato l’ha giudicata inammissibile per materia salvando invece, al momento, il bonus per le cure dentali per le fasce più deboli che prevede un contributo di 500 euro annui da destinare ai contribuenti con un reddito pari o inferiore a 25.000 euro. Nei prossimi giorni gli emendamenti alla Legge di bilancio saranno messi in votazione.

IL “DOTTOR” GOOGLE – Intanto, restando in tema, italiani sempre più attenti alla propria salute: l’80% si informa a riguardo e due su tre si rivolgono al ‘dottor Google’ in cerca di risposte. Nonostante l’importante ruolo svolto dal web,  che talvolta offre risposte non chiare e complete, il medico di famiglia – per fortuna – rimane il più importante punto di riferimento per la salute degli italiani. Lo rivela l’indagine Iqvia Italia che ha intervistato mille adulti.  con questionari a risposta multipla.

Donne più attive nella ricerca rispetto ai maschi – Gli italiani che ricercano maggiori informazioni riguardo la salute sono gli individui di età compresa tra i 45 e i 55 anni (87%), a cui seguono gli over 55 (85%). All’ultimo posto ci sono gli under 34 (77%). Tra uomini e donne, sono quest’ultime ad essere più attive nella ricerca di informazioni sul proprio benessere.

I temi più ricercati sono i sintomi e le patologie (64%), seguiti dalle informazioni riguardo lo stile di vita, quali dieta e alimentazione (55%), la posologia di un farmaco e le sue eventuali controindicazioni (43%), gli integratori (29%) e centri medici specialistici a cui rivolgersi (28%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Manovra: salta stretta su studi dentistici