Manovra, Mpd non vota la fiducia. Tra i contrari anche Forza Italia e Udc

(Teleborsa) – Il Movimento democratico e progressista (Mdp) ha detto no al voto di fiducia posto alla Camera sulla manovra. Lo ha annunciato all’Assemblea di Montecitorio il capogruppo Francesco Laforgia, spiegando che la decisione è stata presa per protestare contro l’inserimento delle norme sui voucher. 

Le dichiarazioni di voto nell’Aula della Camera ci sono state oggi pomeriggio. Il voto finale sul provvedimento è atteso domani 1° Giugno.

“Non saremo dentro questo passaggio” perché “non vogliamo essere corresponsabili. Noi abbiamo sempre dimostrato senso di responsabilità e continueremo a farlo” e “dovete invece guardare a chi ha tirato dritto in barba a un referendum”, ha detto Laforgia in sede di dichiarazioni di voto.

Tra gli altri voti contrari anche Forza Italia. “Dopo averla studiata attentamente, possiamo affermare che nel testo del provvedimento è entrato di tutto, tanto che la misura è diventata una delle classiche manovre omnibus che speravamo, sinceramente, di esserci lasciati definitivamente alle spalle. È restrittiva”, ha detto la deputata Fi, Lorena Milanato.

E l’Udc. “Oggi ci asterremo e non voteremo la fiducia ed è la prima volta. Siamo stanchi di fiducie, di scorciatoie”, ha detto Paola Binetti per l’Udc annunciando che il partito non voterà la fiducia.  

Maggioranza a rischio in Senato. Se Mpd manterrà quanto promesso oggi durante le dichiarazioni di voto, metterebbe a rischio la maggioranza in Senato, che al momento conta 172 voti, 11 in più di quelli necessari per ottenere la fiducia. Ma senza l’appoggio dei 15 voti dei bersaniani, in numeri per andare avanti non ci sarebbero più.

Manovra, Mpd non vota la fiducia. Tra i contrari anche Forza Italia e&...