Male Piazza Affari, spinta giù da Prysmian e utility

(Teleborsa) – Milano è, insieme a Londra, la peggiore delle Borse di Eurolandia, che in generale non brillano in questa prima parte della giornata. A pesare, su Piazza Affari, sono le ingenti perdite per Prysmian e le performance negative delle utility.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,217. Segno più per l’oro, che mostra un aumento dell’1,12%. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno dell’1,68%.

Invariato lo spread, che si posiziona a +107 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta allo 0,56%.

Tra i mercati del Vecchio Continente ferma Francoforte, che segna un quasi nulla di fatto, si muove sotto la parità Londra, evidenziando un decremento dello 0,30%, e trascurata Parigi, che resta incollata sui livelli della vigilia.

Prevale la cautela a Piazza Affari, con il FTSE MIB che continua la seduta con un leggero calo dello 0,23%; sulla stessa linea, cede alle vendite il FTSE Italia All-Share, che retrocede a 24.712 punti.

Sui livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (+0,11%); sulla stessa linea, consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Star (-0,1%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori servizi finanziari (+1,43%), tecnologia (+0,89%) e chimico (+0,59%).

Tra i peggiori della lista di Milano, in maggior calo i comparti viaggi e intrattenimento (-1,20%), utility (-1,17%) e telecomunicazioni (-1,08%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, svetta Banca Mediolanum che segna un importante progresso del 4,31%.

Vola Azimut, con una marcata risalita del 3,23%.

Brilla Mediobanca, con un forte incremento (+2,11%).

Ben comprata Fineco, che segna un forte rialzo dell’1,78%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Prysmian, che continua la seduta con -4,16%.

Preda dei venditori Telecom Italia, con un decremento dell’1,39%.

Si concentrano le vendite su A2A, che soffre un calo dell’1,35%.

Vendite su Enel, che registra un ribasso dell’1,26%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Piaggio (+3,14%), Anima Holding (+2,36%), Saras (+2,10%) e Mutuionline (+2,10%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Banca Farmafactoring, che continua la seduta con -2,16%.

Seduta negativa per MARR, che mostra una perdita dell’1,81%.

Sotto pressione Garofalo Health Care, che accusa un calo dell’1,75%.

Scivola Autogrill, con un netto svantaggio dell’1,72%.

(Foto: © Antonio Truzzi | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Male Piazza Affari, spinta giù da Prysmian e utility