Male Piazza Affari, in sintonia con gli altri listini europei

(Teleborsa) – Milano è debole, in scia alle altre Borse di Eurolandia. Clima cauto nel Vecchio Continente, con occhi puntati sulla politica americana, anche in attesa del dato sulla disoccupazione USA che uscirà nel pomeriggio.

Prevale la cautela sull’Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,54%. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,03%. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 50,69 dollari per barile.

In lieve rialzo lo spread, che si posiziona a +109 punti base, con un timido incremento di 1 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari allo 0,52%.

Nello scenario borsistico europeo Francoforte avanza dello 0,41%, contrazione moderata per Londra, che soffre un calo dello 0,53%, e ferma Parigi, che segna un quasi nulla di fatto.

Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,25%; sulla stessa linea, si muove al ribasso il FTSE Italia All-Share, che perde lo 0,21%, scambiando a 24.706 punti.

Consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (-0,04%); sulla stessa linea, sulla parità il FTSE Italia Star (+0,04%).

Buona la performance a Milano dei comparti vendite al dettaglio (+2,33%) e costruzioni (+1,57%).

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori viaggi e intrattenimento (-1,66%), materie prime (-1,15%) e alimentare (-0,88%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, brilla BPER, con un forte incremento (+2,48%).

Ottima performance per Prysmian, che registra un progresso del 2,34%.

Exploit di Pirelli, che mostra un rialzo del 2,00%.

Buoni spunti su Poste Italiane, che mostra un ampio vantaggio dell’1,97%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Ferrari, che prosegue le contrattazioni a -1,68%.

Vendite su Moncler, che registra un ribasso dell’1,38%.

Seduta negativa per Leonardo, che mostra una perdita dell’1,29%.

Sotto pressione Recordati, che accusa un calo dell’1,26%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Salini Impregilo (+4,60%), Danieli (+2,14%), El.En (+2,03%) e ERG (+1,61%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Autogrill, che prosegue le contrattazioni a -2,72%.

Affonda Datalogic, con un ribasso del 2,51%.

Scivola Sesa, con un netto svantaggio dell’1,39%.

In rosso Falck Renewables, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,39%.

(Foto: © Moreno Soppelsa | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Male Piazza Affari, in sintonia con gli altri listini europei