Male IBM per colpa dei ricavi

Profondo rosso per la “Big Blue”, che esibisce una variazione percentuale negativa del 5,20%. Il colosso tecnologico americano ha diffuso i conti del 3° trimestre, che hanno evidenziato ancora una volta ricavi in calo, oltre le attese. Proprio per questo sono state tagliate le previsioni per il 2015.

Lo scenario su base settimanale di IBM rileva un allentamento della curva rispetto alla forza espressa dal Dow Jones. Tale ripiegamento potrebbe rendere il titolo oggetto di vendite da parte degli operatori.

Il panorama di medio periodo conferma la tendenza rialzista dell’azienda di Armonk. Tuttavia, l’esame della curva a breve, evidenzia un rallentamento della fase positiva al test della resistenza 142,8 dollari USA, con il supporto più immediato individuato in area 140,4. All’orizzonte è prevista un’evoluzione negativa nel breve termine verso il bottom identificato a quota 139,3.

Le indicazioni sono da considerarsi meri strumenti di informazione, e non intendono in alcun modo costituire consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio o promuovere alcuna forma di investimento.
(A cura dell’Ufficio Studi Teleborsa)

Male IBM per colpa dei ricavi