Mailgate, FBI: “Clinton ha agito con estrema negligenza” ma non è reato

(Teleborsa) – “Estrema negligenza” nell’utilizzo della posta elettronica privata, ma nessun reato. E’ questo l’esito delle indagini sulle email di Hillary Clinton finita nel turbine scandalistico per la questione delle email coperte da segreto d’ufficio.

Dalla vicenda delle email coperte da segreto d’ufficio, era emerso che Hillary Clinton non aveva chiesto di poter usare un server personale. Il Dipartimento di Stato aveva emesso il suo verdetto stabilendo che l’ex segretario di Stato aveva violato le regole di riservatezza ed il protocollo.

Le parole di James Comey, direttore del FBI che parla appunto di “estrema negligenza” fanno tirare un respiro di sollievo allo staff della candidata democratica, per cui è stata una giornata memorabile, in cui ha ricevuto anche l’investitura ufficiale di Barack Obama alla corsa alla Casa Bianca.

Le dichiarazioni dell’FBI provocano la reazione dell’avversario Donald Trump: “Sono stupefatto, il sistema è truccato”, ha dichiarato Trump on Twitter: “Il direttore dell’FBI dice che la corrotta Hillary ha compromesso la sicurezza nazionale. Nessuna incriminazione. Wow”, commenta Trump.

Mailgate, FBI: “Clinton ha agito con estrema negligenza” m...