Luxottica, ok dell’Antitrust canadese alla fusione con Essilor

(Teleborsa) – Il progetto di combinazione tra Essilor e Luxottica ha ricevuto il via libera dal Competition Bureau canadese.

Il Canada è una delle cinque giurisdizioni la cui approvazione è condizione sospensiva per il closing dell’operazione.

La transazione è stata finora approvata in altri dieci paesi, ovvero Australia, Colombia, Corea del Sud, Giappone, India, Marocco, Nuova Zelanda, Sud Africa, Russia e Taiwan. 

A inizio mese, l’Antitrust europeo ha sospeso l’indagine sul merger dopo che le due società non hanno fornito alcuni dati richiesti. La 
Commissione europea aveva deciso di avviare un’indagine approfondita per valutare il progetto di concentrazione tra le due big degli occhiali alla luce del regolamento UE sulle concentrazioni. Questo perché l’Antitrust UE “teme che la concentrazione possa ridurre la concorrenza sul mercato delle lenti ottiche ed intende estendere le indagini al mercato delle montature per occhiali”.

L’ultima parola spetta dunque all’UE. Il messaggio del commissario europeo, Margrethe Vestager, a inizio settembre, era stato molto chiaro: “Bisogna essere molto accurati nell’analisi per essere sicuri che non ci siano fenomeni di blocco dell’accesso al mercato a valle o a monte. Una volta che verranno fornite le informazioni richieste, le lancette verranno riavviate e il termine per la decisione della Commissione UE verrà aggiustato di conseguenza”.

Luxottica, ok dell’Antitrust canadese alla fusione con Essilor
Luxottica, ok dell’Antitrust canadese alla fusione con Essi...