L’UE torna a bacchettare Renzi: a Roma manca un interlocutore

(Teleborsa) – Rapporti sempre più tesi fra l’UE e l’Italia, dopo le scaramucce di venerdì scorso fra il numero uno della Commissione europea Jean Claude Juncker, ed il Premier Italiano Matteo Renzi. 

Il botta e risposta fra Junker e Renzi, in cui si era anche inserito il Ministro Padoan, era stato motivato da un atteggiamento sin troppo “sfacciato” del Premier italiano, che i rappresentati delle Istituzioni europee hanno dimostrato non tollerare. 

Ebbene, il retroscena conferma che le relazioni fra Roma e Bruxelles si fanno sempre più vischiose. Secondo fonti vicine alla UE, venerdì scorso Juncker avrebbe “perso la pazienza” perché “c’è preoccupazione nei piani alti delle istituzioni europee per i rapporti con l’Italia”.

Così, sebbene i rapporti fra Juncker e Renzi restino sostanzialmente amichevoli, tuttavia manca “un interlocutore per dialogare con Roma sui dossier più delicati”.

A rispondere alle critiche giunte dall’Europa è stato stavolta il Ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, che ha tagliato corto: “L’Italia ha un Governo nel pieno dei suoi poteri”.

L’UE torna a bacchettare Renzi: a Roma manca un interlocuto...