L’oro torna a scendere. Pesa l’incognita Fed

(Teleborsa) – Si ferma la corsa delle quotazioni dell’oro dopo i dati sul mercato del lavoro statunitense. Il lingotto con consegna immediata cede l’1,20% a 1.398,41 dollari l’oncia dopo che, un aumento più forte del previsto nel mese di giugno degli occupati negli Stati Uniti, ha raffreddato le ipotesi di tagli di interesse da parte della Federal Reserve.

La caduta dei prezzi del metallo giallo è dovuta principalmente al fatto che gli investitori pensano che la Fed abbia meno motivi per per essere “eccessivamente accomodante“. Alti tassi di interesse favoriscono il corso rialzista del dollaro che rende meno appetibile la domanda verso le materie prime denominate in valuta americana.

A fine giugno, il metallo prezioso aveva toccato i massimi da sei anni, raggiungendo 1.430 dollari l’oncia.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’oro torna a scendere. Pesa l’incognita Fed