Lo Spread sfonda il tetto di 290 punti su tensioni governo

(Teleborsa) – Spread di nuovo a ruota libera sfonda il tetto dei 290 punti, segnalando un aumento dei rischio del sistema Italia dinanzi alla comunità internazionale, Il differenziale fra il rendimento del BTP a 10 anni, attualmente al 2,76%, ed il rendimento dle Bund di pari scadenza, che segna un rendimento negativo dello 0,12%, è arrivato stamattina sino a 291 punti per poi riposizionarsi sui 288 punti.

Un livello comunque elevatissimo rispetto ai livelli ritenuti adeguati ai fondamentali, pur modesti, del Paese, che sconta le incertezze relative alla politica del governo Lega-M5S rispetto ad alcuni temi chiave come lo sforamento del deficit e l’IVA. Tanto più forti quanto più si avvicinano le elezioni europee che di per sé accrescono la volatilità dei mercati.

Alla scaramuccia Salvini-Di Maio sullo sforamento del deficit del 3% è seguito il botta e risposta fra Matteo Salvini ed il Premier Giuseppe Conte in merito all‘aumento IVA.

Mi rifiuto di aumentare l’Iva anche di un solo centesimo: prima va riformato il sistema fiscale: bisogna avere coraggio e io non mi rassegno”, ha affermato il leader della Lega all’Assemblea di Rete Imprese Italia. Ma davanti alla stessa platea ha replicato il Premier che evitare l’aumento dell’IVA “non sarà un’impresa facile”.

Lo Spread sfonda il tetto di 290 punti su tensioni governo