ll Portogallo salva la banca locale Banif, lo Stato paga 1,77 miliardi

(Teleborsa) – Iniezione di quasi 2,5 miliardi di euro di fondi pubblici per il Banif, il Banco Internacional do Funchal, in forte difficoltà finanziarie. 

Il Portogallo pone rimedio alla grave situazione in cui versa la banca locale e decide per la sua vendita al Banco Santander subito dopo essere stata ripulita degli “asset più problematici” che saranno trasferiti a un veicolo di gestione di asset. 

Per lo Stato ci sarà un esborso di 1,77 miliardi mentre i restanti 490 milioni circa derivano dal Fondo di Risoluzione a cui contribuiscono le banche che operano in Portogallo. 

Il primo ministro socialista Antonio Costa, parlando alla televisione portoghese, ha riconosciuto che la vendita del Banif “ha un alto costo per i contribuenti” ma nel contesto attuale “è la soluzione che difende meglio l’interesse nazionale”. 

Secondo la Banca centrale, a fronte delle circostanze e delle restrizioni la vendita delle attività del Banif, questa “è la soluzione che salvaguarda la stabilità del sistema finanziario nazionale” e “protegge i risparmi delle famiglie e delle imprese”, così come “il finanziamento dell’economia”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ll Portogallo salva la banca locale Banif, lo Stato paga 1,77 miliardi