Listini europei in rosso, Milano zavorrata da stacco cedole

(Teleborsa) – Seduta no per la Borsa di Milano, che fa molto peggio degli altri mercati europei, in una giornata caratterizzata da un clima generalmente negativo. A pesare negli scambi di Piazza Affari è lo stacco delle cedole previsto oggi da molti big di Palazzo Mezzanotte, tra cui Intesa, Mediobanca, Banca Mediolanum, Poste Italiane, Recordati, Tenaris e Terna.

Arriva oggi in CDM la Manovra economica, con un pacchetto da 32 miliardi. Tra le ipotesi al vaglio l’azzeramento dell’Iva su pane, pasta e latte. Sulle pensioni il governo lavora a quota 41+62, mentre si va verso il taglio del cuneo fiscale fino 3 punti per i redditi più bassi. Sulla flat tax si ipotizza un aumento della soglia fino a 85 mila euro per gli autonomi.

Secondo il presidente dell’Associazione bancaria italiana, Antonio Patuelli, governo e parlamento devono lavorare per evitare che il ritardo accumulato dall’Italia nel processo di formazione del bilancio 2023 a causa delle elezioni porti all’esercizio provvisorio. “I mercati e la speculazione sono assolutamente imprevedibili. Il mio auspicio è che ci sia la consapevolezza istituzionale per consentire la conclusione della legge di bilancio entro l’anno” ha sottolineato nel corso di un seminario.

Oggi REVO Insurance è passata da Euronext Growth Milan a Euronext STAR Milan, rappresentando la terza ammissione da inizio anno sul segmento e portando a 77 il numero di società attualmente quotate su Euronext STAR Milan.

Sessione negativa per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,84%. L’Oro continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,58%. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,64%.

In salita lo spread, che arriva a quota +192 punti base, con un incremento di 9 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,95%.

Nello scenario borsistico europeo si concentrano le vendite su Francoforte, che soffre un calo dello 0,74%, andamento cauto per Londra, che mostra una performance pari a +0,09%, e discesa modesta per Parigi, che cede un piccolo -0,22%.

Scambi in ribasso per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dell’1,15% sul FTSE MIB; sulla stessa linea, giornata negativa per il FTSE Italia All-Share, che continua la seduta a 26.386 punti, in calo dell’1,10%. In discesa il FTSE Italia Mid Cap (-0,77%); con analoga direzione, negativo il FTSE Italia Star (-1%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, composta Banco BPM, che cresce di un modesto +1,11%.

Performance modesta per BPER, che mostra un moderato rialzo dello 0,79%.

Resistente Leonardo, che segna un piccolo aumento dello 0,73%.

I più forti ribassi, tra chi non stacca la cedola, si verificano su Nexi, che continua la seduta con -3,33%.

Vendite su Saipem, che registra un ribasso del 2,75%.

Seduta negativa per Telecom Italia, che mostra una perdita del 2,64%.

Sotto pressione Moncler, che accusa un calo del 2,53%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Mfe A (+1,16%), Bff Bank (+1,10%), Fincantieri (+1,02%) e Rai Way (+0,97%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su GVS, che continua la seduta con -4,11%.

Scivola Carel Industries, con un netto svantaggio del 2,63%.

In rosso Reply, che evidenzia un deciso ribasso del 2,57%.

Spicca la prestazione negativa di Wiit, che scende del 2,08%.

Tra le grandezze macroeconomiche più importanti:

Lunedì 21/11/2022
08:00 Germania: Prezzi produzione, annuale (atteso 41,5%; preced. 45,8%)
08:00 Germania: Prezzi produzione, mensile (atteso 0,9%; preced. 2,3%)

Martedì 22/11/2022
16:00 Unione Europea: Fiducia consumatori (atteso -30 punti; preced. -27,6 punti)

Mercoledì 23/11/2022
10:00 Unione Europea: PMI manifatturiero (preced. 46,4 punti)
10:00 Unione Europea: PMI composito (atteso 47,5 punti; preced. 47,3 punti).