Liquidazione piccole banche, Ok UE a schema temporaneo Italia

(Teleborsa) – Semaforo verde della Commissione europea allo schema dell’Italia di liquidazione di piccole banche in affanno, definite come aventi un ammontare massimo di asset pari a 5 miliari di euro. In un comunicato, l’esecutivo comunitario spiega di aver concesso l’autorizzazione per 12 mesi a partire da oggi.

Lo schema – si legge – facilita il compito delle autorità quanto riscontrano che la risoluzione di una banca, ammissibile al fallimento, non va nell’interesse pubblico e per questo la mettono in liquidazione coatta amministrativa.

Bruxelles precisa che in base a questo meccanismo, lo Stato potrà “sostenere” la cessione di attivi e passivi di una banca in difficoltà a un’altra banca. L’acquirente verrà selezionato sulla base di una procedura competitiva e dovrà essere in grado di completare l’integrazione delle attività rilevate entro un anno.

Azionisti e creditori subordinati della banca liquidata saranno chiamati a contribuire alla perdite, aggiunge l’UE, in questo modo riducendo la necessità di aiuti pubblici.

Di fatto il via libera dell’UE è un innalzamento di una soglia già prevista da una comunicazione del 2013 sul settore bancario, fissata a 3 miliardi di euro e che ora arriva (temporaneamente) a 5 miliardi. L’UE conclude precisando che autorizzerà schemi analoghi ove venissero richiesti da altri Stati.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Liquidazione piccole banche, Ok UE a schema temporaneo Italia