L’inflazione in Eurozona allunga ma non tocca target BCE

(Teleborsa) – L’inflazione dovrebbe aver accelerato nuovamente ad aprile, ma non tanto da portarsi nuovamente sui livelli di guardia, poiché resta sotto il target fissato dalla BCE. Proprio ieri il Presidente Draghi ha fatto un accenno alle pressioni inflazionistiche, indicando che non sono un problema e che in seguito la crescita dei prezzi si è indebolita.

Secondo l’Ufficio statistico europeo (EUROSTAT), che oggi ha pubblicato la stima flash per il mese di aprile, l’inflazione è attesa all’1,9% su base tendenziale, dall’1,5% del mese precedente. Il dato è superiore alle attese che indicavano un aumento dell’1,8%.

L’inflazione core – che esclude energia, cibo e tabacchi – è vista allungare all’1,2% dallo 0,7% precedente e contro l’1% del consensus, mentre quella che esclude solo l’energia è attesa all’1,3%.

Tra le principali componenti dell’inflazione dell’Euro Area, i prezzi dei cibi, alcol e tabacchi dovrebbero aver riportato un incremento meno forte dell’1,5%, quelli dei servizi una crescita più forte dell’1,8%, mentre l’energia dovrebbe aver segnato ancora un forte aumento del 7,5%.

L’inflazione in Eurozona allunga ma non tocca target BCE
L’inflazione in Eurozona allunga ma non tocca target BCE