L’indice dei titoli bancari in Italia si muove verso il basso (-4,04%)

(Teleborsa) – Andamento depresso per il comparto bancario a Piazza Affari. Un andamento che non sorprende dopo il netto calo registrato dall’EURO STOXX Banks. A deprimere gli investitori la risalita dello spread che è ritornato a sforare i 300 punti.

Il settore bancario italiano ha aperto la giornata a quota 8.705,81 perdendo 357,1 punti rispetto alla chiusura precedente. Rosso profondo anche per l’indice bancario europeo che scivola a quota 103,13, dopo un avvio di sessione a 104,7.

Nel listino principale, retrocede Banco BPM che esibisce una variazione percentuale negativa del 5,90%. Affonda Unicredit, con un ribasso del 4,46%.Crolla Mediobanca, con una flessione del 4,42%.

Tra le azioni del Ftse MidCap, in forte ribasso Banca MPS, che mostra un disastroso -5,51%. Vendite a piene mani su Credito Valtellinese, che soffre un decremento del 4,39%. Pessima performance per Banca Popolare di Sondrio, che registra un ribasso del 2,08%. Tra le società meno capitalizzate di Piazza Affari, a picco Banca Carige, che presenta un pessimo -6,78%. Sessione nera per Banca Profilo, che lascia sul tappeto una perdita del 2,53%. Si concentrano le vendite su Banca Finnat, che soffre un calo dell’1,60%.

L’indice dei titoli bancari in Italia si muove verso il basso&nb...