L’euro resta al top dal 2015 dopo interventi Draghi e Yellen

(Teleborsa) – L’euro si conferma vicino ai massimi da due anni e mezzo alla riapertura dei mercati questa settimana, dopo esser volato oltre la soglia chiave degli 1,19 dollari venerdì sera, in scia agli invertenti di Mario draghi (BCE) e Janet Yellen (Fed) a Jackson Hole. 

Il numero uno dell’Eurotower ha parlato soprattutto del tema protezionismo, “dimenticando” di fare qualche accenno alla forza dell’euro, come alcuni operatori di mercati si aspettavano. 

La collega Janet Yellen, invece, non ha speso parole sulle tematiche di politica monetaria, tacendo su un eventuale terzo rialzo dei tassi quest’anno, mentre ha disquisito sull’importanza delle riforme per la finanza.

Insomma, le bocche cucite dei banchieri centrali hanno amplificato i trend del mercato valutario, facendo deprezzare ancora il dollaro e provocando un balzo dell’euro al top da gennaio 2015. Il cambio euro/dollaro sosta stamattina a 1,1926 (-0,17%) poco lontano dai picchi toccati nel weekend.

L’euro resta al top dal 2015 dopo interventi Draghi e Yelle...