Leonardo, contratto con la NATO per protezione elettronica

(Teleborsa) – Si rafforza la partnership tra Leonardo e la NATO. La principale azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza, ha firmato un contratto del valore di circa 180 milioni di euro per fornire alla NATO sistemi di addestramento per la protezione elettronica. La commessa è stata assegnata dal Ministero della Difesa del Regno Unito, nazione ospitante l’agenzia NATO “Joint Electronic Warfare Core Staff” (JEWCS), che ha sede presso la base aerea della Royal Navy a Yeovilton. Equipaggiamenti e servizi verranno erogati nell’arco dei prossimi quattro anni dal centro di eccellenza di Leonardo a Luton, Regno Unito, dedicato all’electronic warfare.

La società è stata selezionata nell’ambito di una gara internazionale e integrerà nella fornitura anche tecnologie dei partner Cobham ed Elettronica.

JEWCS è l’agenzia della NATO responsabile del dominio relativo alla protezione elettronica.

Quando gli alleati effettuano delle operazioni, il rischio di subire un’interruzione delle comunicazioni, dei segnali GPS e radar da parte del nemico è alto. L’addestramento è un fattore di estrema importanza per sperimentare queste condizioni e imparare a gestirle. JEWCS ha tra i compiti principali la formazione delle Forze Armate attraverso la simulazione di scenari ostili generati da contromisure elettroniche nemiche. Per fornire questi servizi, l’agenzia utilizza sistemi ad alta tecnologia nei siti di formazione dislocati in tutta Europa, consentendo alle Forze Armate di potenziare le proprie competenze in aree quali la sorveglianza e le contromisure elettroniche.

Leonardo, contratto con la NATO per protezione elettronica