Le borse europee virano in negativo. Milano azzera i guadagni

(Teleborsa) – Peggiorano le principali borse europee, ora in territorio negativo, con Piazza Affari che riesce per il momento a schivare le vendite, nonostante l’avvio di seduta facesse sperare in un rimbalzo.

Riflettori puntati oggi pomeriggio sul vertice “estivo” a Ventotene tra Renzi, Hollande e Merkel sul futuro dell’Europa, ma con un occhio sempre ai tassi della Fed. Qualche indizio importante sul costo del denaro potrebbe arrivare questo fine settimana in occasione del summit internazionale di Jackson Hole, in particolare quando prenderà la parola il numero uno della Fed Janet Yellen.

Prevale la cautela sull’Euro / Dollaro USA, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,27%. Sessione debole per l’oro -0,37%. Vendite sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 47,7 dollari per barile (-1,69%).

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 118 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,12%.

Tra i listini europei, discesa modesta per Francoforte, che cede un piccolo -0,39%, debole Londra, con un calo frazionale dello 0,54%, giù Parigi, con un modesto ribasso dello 0,27%.

A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile e si posiziona su 16.317 punti.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Banche (+1,42%), Chimici (+0,79%) e Servizi per la finanza (+0,45%), che rimbalzano dopo le vendite di venerdì scorso. Tra i peggiori della lista di Milano le Materie prime (-1,17%), Telecomunicazioni (-1,04%) e Petroliferi (-0,77%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, decolla Banca Popolare di Milano, con un importante progresso del 3,48%. Incandescente Banco Popolare, che vanta un incisivo incremento del 2,12%. Buona performance per Azimut, che cresce dell’1,85%.

Offerta Saipem, che prosegue le contrattazioni con un -1,72% sulla frenata del greggio. Sotto pressione Cnh Industrial, con un forte ribasso dell’1,64%. Soffre Tenaris, che evidenzia una perdita dell’1,17%. Calo deciso per Telecom Italia, che segna un -1,13%.

Segno meno per Mediaset -0,58%, che ha deciso di fare causa a Vivendi.

Sul listino completo euforica Molmed +7,48%, dopo l’ok della Commissione Europea all’immissione condizionata in commercio per Zalmoxis.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le borse europee virano in negativo. Milano azzera i guadagni