Le borse europee toccano i minimi da inizio anno

(Teleborsa) – Tutti negativi gli indici di Piazza Affari e degli altri principali listini europei, che scambiano sui minimi da inizio anno, il giorno dopo la peggiore perdita di Wall Street da ottobre ad oggi. Tra le cause di preoccupazione un aumento delle varianti di coronavirus e le difficoltà nel far decollare le campagne vaccinali.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,02%. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.840,8 dollari l’oncia. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,36%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +120 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,61%.

Tra i mercati del Vecchio Continente lettera su Francoforte, che registra un importante calo dell’1,52%, sotto pressione Londra, con un forte ribasso dell’1,43%, e soffre Parigi, che evidenzia una perdita dello 0,80%.

Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dello 0,93%; sulla stessa linea, vendite diffuse sul FTSE Italia All-Share, che continua la giornata a 23.397 punti.

Negativo il FTSE Italia Mid Cap (-1,2%); con analoga direzione, in netto peggioramento il FTSE Italia Star (-1,77%).

Apprezzabile rialzo (+2,55%) a Milano per il comparto tecnologia.

In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti sanitario (-3,77%), chimico (-3,30%) e automotive (-1,66%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, vola STMicroelectronics, con una marcata risalita del 3,98%.

Buoni spunti su Tenaris, che mostra un ampio vantaggio dell’1,19%.

Piccoli passi in avanti per Interpump, che segna un incremento marginale dello 0,59%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su DiaSorin, che continua la seduta con -5,26%.

Affonda Amplifon, con un ribasso del 4,55%.

Crolla Stellantis, con una flessione del 2,25%.

Preda dei venditori CNH Industrial, con un decremento del 2,14%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Cattolica Assicurazioni (+2,01%), ASTM (+1,06%), Falck Renewables (+0,90%) e Garofalo Health Care (+0,80%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su GVS, che continua la seduta con -4,66%.

Vendite a piene mani su El.En, che soffre un decremento del 3,75%.

Pessima performance per Carel Industries, che registra un ribasso del 3,75%.

Si concentrano le vendite su Piaggio, che soffre un calo del 3,44%.

(Foto: © Nupean Pruprong / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le borse europee toccano i minimi da inizio anno