Le banche italiane tirano un sospiro di sollievo: ok UE allo scudo

(Teleborsa) – Banche italiane e investitori più tranquilli dopo che la Commissione Europea ha autorizzato l’Italia ha usare garanzie pubbliche per creare un piano di liquidità di sostegno precauzionale alle nostre banche.

Il piano da 150 miliardi di euro, che rientra nelle “regole sugli aiuti di Stato” approvate dal blocco UE nel caso di “crisi straordinarie”, sarà attivato dal Governo in caso di eventuali turbolenze dei mercati e non necessariamente. Solo due le limitazioni: potrà essere attivata solo nel 2016 e solo per istituti solvibili.

Il governo italiano ha fatto pressing su Bruxelles per ottenere il via libera, consapevole del fatto che a causa della Brexit si sono riacutizzati problemi già esistenti nel settore bancario italiano. Gli istituti di credito dl Bel Paese hanno perso più della metà della loro capitalizzazione di mercato, da inizio anno, sui timori degli investitori per la loro enorme esposizione verso i crediti inesigibili. Alcune banche italiane hanno visto le loro azioni scendere addirittura del 75%.

La garanzia potrà applicarsi anche al nuovo fondo Atlante e all’acquisto di obbligazioni da parte dello Stato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Le banche italiane tirano un sospiro di sollievo: ok UE allo scudo