Lavoro, ok della Camera alla mozione di maggioranza su smart working nelle PA

(Teleborsa) – La Camera dei Deputati ha approvato la mozione di maggioranza relativa alle iniziative in materia di lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni. L’Assemblea di Montecitorio ha dato anche il via libera alle parti delle mozione sullo stesso tema presentata dai deputati di Fratelli d’Italia e da l’Alternativa c’è. Alla mozione unitaria di maggioranza si è giunti dopo tre settimane di trattative tra le forze che sostengono il governo.

In base ai testi approvati, il governo risulta impegnato, tra l’altro: a favorire che per la disciplina del lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni, vengano individuate soluzioni che inseriscano gli accordi individuali “in un quadro di regole certe e di garanzia da individuare anche nell’ambito della contrattazione collettiva, con particolare riguardo al diritto alla formazione e alla non discriminazione, ed alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e alle misure idonee ad assicurare il miglioramento del benessere organizzativo”.

Andranno poi riconosciuti “il diritto alla disconnessione, la parità di genere ed i diritti alla sicurezza dei lavoratori e al rispetto della protezione dei dati personali“. Dovranno quindi essere promosse “le condizioni effettive per una maggiore autonomia e responsabilità dei lavoratori nella gestione dei tempi di lavoro e nel raggiungimento di risultati obiettivamente misurabili, anche attraverso iniziative volte a favorire la costituzione di micro team professionali, e che, nell’ambito dei singoli progetti sperimentali di implementazione del lavoro agile individuati dalle pubbliche amministrazioni sulla base di specifiche esigenze organizzative, venga assicurata un’adeguata integrazione tra lavoratori in presenza e lavoratori in modalità agile, prevedendo che questi ultimi siano in numero significativo, in relazione al progetto, rispetto a quello dei dipendenti adibiti alle attività individuate dallo stesso, tendenzialmente non inferiore ad un terzo dei dipendenti coinvolti nel progetto, con la garanzia di non subire penalizzazioni ai fini del riconoscimento di professionalità e delle progressioni di carriera”.

C’è quindi l’impegno “ad adottare le opportune iniziative di competenza per definire indirizzi affinché, anche con il superamento della fase emergenziale e il ritorno in presenza quale modalità ordinaria di prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni, siano comunque riconosciute e, anzi, incrementate le positive esperienze che hanno consentito l’assolvimento degli obblighi burocratici in capo a cittadini e imprese con modalità telematiche, ma siano anche assicurate adeguate modalità per consentire lo svolgimento in presenza delle attività per tutti quei cittadini che non possono agevolmente fruire, per condizioni soggettive od oggettive, dei servizi da remoto“.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro, ok della Camera alla mozione di maggioranza su smart working n...