Lavoro, le imprese aprono le porte ai giovani

(Teleborsa) – Segnali incoraggianti per il mercato del lavoro italiano, specialmente per quanto riguarda i giovani.
Tra ottobre e dicembre 2015 saranno oltre 191mila le “entrate” programmate dalle aziende italiane, tra assunzioni in senso stretto e altri tipi di contratto (di somministrazione o di lavoro parasubordinato). Tale cifra risulta essere per il 10,9% superiore al tasso di crescita destagionalizzato della domanda di lavoro rispetto al IV trimestre dell’anno scorso, valore più alto degli ultimi 13 trimestri.

La maggior fiducia nella ripresa, mostrata dalle imprese, si traduce anche in una più ampia disponibilità ad aprire le porte ai giovani: tra ottobre e dicembre, le assunzioni espressamente destinate a quanti hanno meno di 30 anni saranno 43.900. Rispetto al totale, la quota di assunzioni “riservata” ai giovani (anche se non esclusiva, visto che per quasi una metà di casi l’età è ritenuta indifferente), si alza di un altro punto, arrivando a sfiorare il 31%, livello mai raggiunto dalla seconda metà del 2013.

I contratti a tempo indeterminato raggiungono il 25,4%.

Nel Lazio, l’effetto Giubileo si fa sentire nei programmi di assunzione delle imprese: +24,6% l’incremento delle entrate previste rispetto allo scorso anno, +16,4% quello rispetto al III trimestre. Questi i dati principali forniti dal Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Ministero del Lavoro, nell’analisi riguardante le previsioni di assunzione delle imprese dell’industria e dei servizi tra ottobre e dicembre 2015.

Lavoro, le imprese aprono le porte ai giovani