Lavoro, al via la seconda fase del reddito di cittadinanza

(Teleborsa) – Partita la seconda fase del reddito di cittadinanza con la convocazione nei centri per l’impiego dei 704mila beneficiari che dovranno sottoscrivere il Patto del lavoro.

Come rende noto il ministero e l’Inps, da lunedì 2 settembre chi percepisce l’assegno dovrà firmare e accettare le condizioni che obbligano ad accettare almeno una delle tre proposte che arriveranno dai centri per l’impiego.

Le proposte saranno “congrue” e definite dai centri per l’impiego in base all’identikit del candidato che dovrà accettarne una anche se distante dal domicilio, entro il primo anno, cento chilometri o cento minuti di trasporti pubblici per la prima offerta, duecentocinquanta chilometri di distanza per la seconda e in tutta Italia per la terza.

A definire la congruenza tra l’offerta di lavoro e le esperienze e competenze maturate, come si legge sul sito, c’è anche la durata dello stato di disoccupazione

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro, al via la seconda fase del reddito di cittadinanza