Lavoro: a fine 2015 meno licenziamenti, più contratti stabili

(Teleborsa) – Finale di 2015 positivo per il mercato occupazionale italiano.

Il Ministero del Lavoro ha rilevato, nel 2015, una discesa delle cessazioni dell’8,14% rispetto all’anno precedente, grazie soprattutto alla forte riduzione registrata nel quarto trimestre.

Nel periodo in esame, infatti, le cessazioni di rapporto di lavoro sono calate del 3,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e di oltre il 14% rispetto ai tre mesi precedenti.

Sempre nel quarto trimestre del 2015, i nuovi contratti di lavoro a tempo indeterminato sono stati 739.880, con un aumento del 100,9% rispetto agli ultimi tre mesi del 2014 (+371.519).

Contestualmente a questo dato va rilevata la diversa composizione delle altre forme di contratto previste dall’ordinamento, rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, che evidenziano una riduzione, in termini di quota di avviamenti sul totale generale, a vantaggio del contratto cosiddetto stabile. A presentare riduzioni marcate sono infatti i rapporti di lavoro avviati in collaborazione (-40,4%), in apprendistato (-17,7%) e a tempo determinato (-7,7%).

Lavoro: a fine 2015 meno licenziamenti, più contratti stabili
Lavoro: a fine 2015 meno licenziamenti, più contratti stabili