Lavori in corso nel cantiere MPS. CdA a Siena

(Teleborsa) – Riflettori puntati sul titolo MPS il giorno dopo che il presidente della banca senese, Alessandro Falciai e l’amministratore delegato Marco Morelli sono stati ascoltati dalle commissioni congiunte finanze di Camera e Senato sul dl banche.

“Entro i primi giorni di febbraio contiamo di avviare formalmente l’interlocuzione sul piano industriale e l’aspettativa, anche se è una prima volta per tutti nell’applicazione della Brrd, è che nel giro di poche settimane possa concludersi”, ha detto Morelli.

L’AD di MPS ha spiegato che la base di partenza del nuovo piano saranno i numeri del precedente piano licenziato dallo stesso Morelli a fine ottobre che, dal lato dei costi, prevedeva circa 2.450 esuberi in un triennio.

Sul tema è intervenuto anche il presidente Falciai ricordando che con i precedenti piani, avviati tra il 2012 e il 2014 “abbiamo già ridotto il nostro attivo del 30%”.

Oggi è in programma un CdA a Siena, che sarà soprattutto l’occasione per fare il punto sul piano industriale, atteso sui tavoli europei a inizio febbraio, ma ci si occuperà anche di rafforzare la raccolta di denaro attraverso l’emissione di bond assistiti dalla garanzia statale.

La liquidità va irrobustita dopo un dicembre caratterizzato da una significativa fuga di depositi “fenomeno che si è completamente bloccato tra la fine del mese e l’inizio di gennaio perché si è fermata la non chiarezza sul futuro della banca”, ha rassicurato Morelli.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavori in corso nel cantiere MPS. CdA a Siena