L’Asia torna in rosso

(Teleborsa) – Seduta al ribasso per le principali Borse asiatiche, malgrado la chiusura positiva degli indici statunitensi, con gli investitori che continuano a monitorare gli sviluppi sulla diffusione del Coronavirus e le ripercussioni sull’economia globale. Intanto nella notte è arrivato un aggiornamento sulla situazione sanitaria cinese che ha evidenziato un nuovo picco di contagi a Hubei.

L’indice Nikkei della borsa di Tokyo ha terminato in calo dello 0,14% a 23.827,73 punti mentre il più ampio Topix è sceso dello 0,40% a 1.115,47 punti.

In rosso anche le borse cinesi, con Shanghai che perde lo lo 0,57% e Shenzhen lo 0,35%. Tonica invece Taiwan +0,22% mentre Seul cede lo 0,27%.

In negativo le altre piazze asiatiche che chiuderanno più tardi le rispettive sedute, con Hong Kong che mostra un ribasso dello 0,21%, così come Singapore -0,17% e Bangkok -0,30%. Scivola anche Kuala Lumpur che arretra dello 0,24% seguita da Jakarta -0,67%.

Giù la borsa di Mumbay (-0,40%). Tiene Sydney (+0,27%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’Asia torna in rosso