Lagarde, durata nuovi stimoli cruciale quanto intensità

(Teleborsa) – La durata in cui verranno assicurate le future misure di supporto della politica monetaria sarà “cruciale” quanto la mole che avranno i provvedimenti stessi. Lo ha ribadito la Presidente della BCE, Christine Lagarde, durante il forum annuale di Sintra, che in scia alle restrizioni anti-covid si è svolto in modalità virtuale.

“Penso che sia cruciale importante mantenere le condizioni finanziarie che hanno operato bene per sostenere finora l’economia, per stabilizzarla e consentire alle imprese di rifinanziarsi e alle famiglie di trovare mutui“. E anche “continuare ad assicurare queste condizioni per un periodo sufficientemente lungo. Il livello conta ma anche la durata è critica”. “Questa crisi continua in un modo o nell’altro ed è veramente importante – ha detto Lagarde – che le condizioni di finanziamento restino positive”.

Una differenza sull’impatto economico della seconda ondata di Covid è che stavolta “forse i Governi hanno imparato che un lockdown totale non è probabilmente il modo più efficiente di gestire” la situazione, ha proseguito la numero uno della BCE sottolineando che oggi “abbiamo chiaramente un po’ meno di incertezza su vari fronti” rispetto a inizio pandemia. Ma “non voglio essere esuberante” sulle notizia positive riguardo ai vaccini: “ci sono ancora tante incognite sulla logistica, sulla fabbricazione, sulla quantità di gente che potrà essere vaccinata nei prossimi mesi”.

Stavolta le banche – ha continuato – “hanno aiutato a trovare soluzioni alla crisi, invece di rappresentare un problema come in quella passata ma “nelle circostanze attuali è anche necessario che stiano moto attente ai loro bilanci” e alle entità a cui hanno erogato credito “perchè è chiaro che in alcuni settori ci saranno difficoltà e fallimenti e ci vorrà tempo per rientrare dalle difficoltà”.

Sull’euro digitale “la mia opinione è che potremmo andare in quella direzione, ma non significa che sarà disponibile a breve” perchè ci sono diversi aspetti da affrontare, come sull’antiriciclaggio e sul piano tecnologico “è un progetto che probabilmente ci terrà impegnati 2-3-4 anni prima del lancio”, ha detto Lagarde ammettendo che “la pandemia ha accelerato i preparativi” sulla possibilità di creare un euro digitale.

Per il Presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, intervenuto al forum annuale della Bce, Ad oggi “la ripresa è stata più veloce e forte del previsto, ma anche diseguale, ha favorito maggiormente i ricchi, e incompleta: negli Usa restano 10 milioni di di persone senza lavoro”. “Il maggiore rischio oggi che vediamo è chiaramente la nuova ondata di contagi. La gente – ha avvertito Powell – potrebbe perdere la fiducia sul fatto che sia sicuro andare in giro”.

Secondo il Fondo monetario internazionale, al momento “il rischio maggiore” nella crisi pandemica “è quello di un ritiro prematuro dei sostegni all’economia, specialmente in Paesi come Spagna e Italia“. Lo ha affermato Vitor Gaspar, direttore del dipartimento conti pubblici del FMI.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lagarde, durata nuovi stimoli cruciale quanto intensità